Il Potere del Silenzio

Questa mattina, dopo tanto tempo, ho sentito il mio respiro.

Funziona sempre così. Quando una cosa non fa clamore, non fa rumore, si tende a dimenticarla, ignorarla o sottovalutarla, anche a prescindere dal suo valore.

Tiri su aria dal naso, lo fai migliaia di volte al giorno e questo ti rende vivo, ma da quanto tempo non ne sentivi il suono?

Troppi stimoli, troppi rumori, troppe cose da fare per lasciarsi andare ad un attimo di silenzio ed ascoltare il suono della propria vita.

Il silenzio: come ogni cosa di valore, quando inizia a venir meno, se ne sente improvvisamente la necessità, e si riesce a riscoprirne la sua preziosità reale.

Sotto costante assedio

La giornata comincia con un rumore, quello della sveglia. Prosegue con il suono della radio, il clacson delle auto nel traffico, il vociare delle persone sulla metro.

E in quelle poche occasioni nelle quali il rumore è quasi del tutto tagliato fuori, dove il silenzio potrebbe riuscire a far valere i propri diritti, siamo assaliti dall’imbarazzo.

Abbiamo installato anonime canzonette nell’ascensore, perché il silenzio era troppo assordante. Ci sentiamo in dovere di parlare superficialmente con degli sconosciuti del tempo che fa, delle vacanze, di politica. Tutto, perché abbiamo paura che nel silenzio i nostri cattivi pensieri facciano troppo baccano.

Siamo troppo abituati al rumore, per tollerare il silenzio. Il suono di una notifica, il tormentone alla radio, il nostro collega chiacchierone…

Le nostre orecchie – e di conseguenza il nostro cervello – sono costantemente invase da suoni e rumori, più o meno voluti, più o meno cercati.

Che cos’è il silenzio?

Il silenzio è ciò che ci fa apprezzare i suoni, è lo spazio bianco tra due paragrafi in un testo, è lo stacco tra la nota di pianoforte e la successiva.

Il silenzio è assenza di suono, così come il buio è assenza di luce. E così come il buio ci permette di apprezzare la prorompente vivacità della luce, allo stesso modo il silenzio dà risalto e forza al suono che circonda.

“Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato. I ricchi comprano rumore. L’animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca.”
Charlie Chaplin

Ne consegue che senza silenzio, non ci può esser suono. Senza buio, non ci può esser luce.

Il silenzio è inoltre il linguaggio universale. Abbiamo difficoltà a comprendere le lingue straniere, difficilmente comprendiamo ciò che viene detto nella nostra lingua. Ma un silenzio, un silenzio ha un significato univoco e inconfutabile.

È grazie al silenzio che riusciamo a dare spazio ai nostri pensieri, a digerire gli stimoli e a dar vita ad un’idea. Il cervello, proprio come tutti gli altri muscoli, non cresce nel momento in cui viene sottoposto a sforzo, bensì quando è a riposo.

È nelle pause dal frastuono giornaliero, che il cervello trova nutrimento per “ingrandirsi” e diventare più performante, rinforzare le sue fibre, consolidare i suoi processi.

È nel silenzio che riusciamo ad ascoltare noi stessi, non nel cicalio di mille voci o nel ritmo tambureggiante di una canzone.

Soli con noi stessi, circondati dal silenzio, possiamo trovare la nostra identità. Analizziamo le nostre esperienze, i nostri desideri, sviluppiamo la nostra capacità di riflettere e quindi di essere senzienti ed esseri senzienti.

Il silenzio nutre il cervello

Oltre a essere una manna per le orecchie, il silenzio è un importante nutrimento per il cervello, gli permette di staccare la spina e rifocillarsi.

“Il vero silenzio è il riposo della mente; è per lo spirito ciò che il sonno è per il corpo, nutrimento e ristoro.”
William Penn

Nel 2006, il dottor Luciano Bernardi, ha monitorato gli effetti rilassanti di diversi tipi di musica sul cervello umano: tenendo d’occhio parametri come la pressione sanguigna e il battito cardiaco, Bernardi ha fatto ascoltare ai partecipanti diversi brani, scoprendo che ogni tipologia aveva un effetto diverso sul cervello.

La scoperta più importante fu però che il maggior tasso di rilassamento aveva luogo durante i due minuti di silenzio tra un brano e l’altro. In pratica, il cervello prova uno stato di rilassamento maggiore subito dopo esser stato sottoposto ad uno stimolo sonoro prolungato.

Interessante anche l’esperimento di Imke Kirst, che ha monitorato 4 gruppi di topi sottoposti alcuni a diversi suoni alcuni al silenzio.

Kirst ha scoperto che i topi esposti al silenzio avevano sviluppato nuove cellule cerebrali, al contrario di quelli esposti ai suoni.

Una sorta di esperimento, ma più che altro una provocazione controversa quanto sottile, arriva dal compositore statunitense John Cage.

A seguito di una visita nella sala anecoica dell’Università di Harvard, dove era possibile “ascoltare” il silenzio assoluto, Cage si stupì di sentire invece i rumori del suo corpo, il suo battito, il sangue, il suo respiro.

Da qui nasce l’ispirazione per 4’33”, opera dello stesso Cage, sicuramente la più discussa e forse la più famosa di uno dei compositori più importanti del XX secolo.

“La vera musica è il silenzio. Tutte le note non fanno che incorniciare il silenzio.”
Miles Davis

4’33” è un brano in tre movimenti composto nel 1952. Tutti i movimenti consistono in un silenzio totale da parte degli strumenti. Lo scopo di Cage è di dare risalto ai rumori naturali e spontanei della sala, invece che al suono ordinato e prestabilito di archi e tamburi.

Ad ogni esecuzione, il brano assume una forma totalmente diversa: una volta è fatto di colpi di tosse e del vocio del pubblico, un’altra volta è composto da uno starnuto, il ronzio di una mosca o una risata.

L’obiettivo di Cage era di dimostrare che il silenzio assoluto non esiste e che esso altro non è che una tavolozza bianca da riempire, che dà risalto ai colori dei suoni, così come un tappeto di velluto nero sottolinea lo splendore dei diamanti.

Enjoy the Silence

Ricapitolando, il silenzio non è il male assoluto, non vi è nulla di imbarazzante in un momento senza suoni e rumori e il cervello sta meglio quando può prendersi una pausa dagli stimoli, anche da quelli sonori.

“Ho cominciato a rendermi conto che si può ascoltare il silenzio e imparare da esso. Ha una qualità e una dimensione tutta sua.”
Chaim Potok

Se il silenzio è una tavola bianca, dobbiamo essere noi, pittori a volte troppo distratti e pasticcioni, a decidere con quali colori (suoni) riempirla.

Possiamo scegliere di riempire le nostre orecchie di musichette insipide da ascensore, del frastuono e del trambusto cittadino o di parole più vuote di quanto in realtà sia lo stesso silenzio.

Oppure possiamo decidere di utilizzare questo magnifico tappeto nero per ammirare la lucentezza dei diamanti che il mondo circostante ha da offrirci, come il fruscio del vento fra gli alberi, il canto di un uccello o il suono di un respiro.

I finlandesi, che di silenzio hanno un’esperienza millenaria, ne hanno capito il valore unico e ne hanno fatto un punto d’orgoglio nazionale. Al momento di progettare il loro piano comunicativo per il turismo, invece di puntare sulle grandi attrazioni naturalistiche, i laghi e la casa di Babbo Natale, hanno puntato sul silenzio.

“Silence, please” è l’invito a chi entra sul sito di Visit Finland e a chi vuole visitare la Finlandia, uno luogo fatto di spazio, tempo, pace e quiete.

I finlandesi, taciturni e riservati per natura, hanno reso “vendibile” un qualcosa che troppo spesso è dato per scontato e superfluo, perché non fa clamore e non fa rumore.

Ma come ogni cosa di valore, quando inizia a venir meno, se ne sente improvvisamente la necessità e si riesce a riscoprirne la sua preziosità reale.

E se i finlandesi hanno deciso di vendere il silenzio come una bellezza architettonica o naturale, noi potremmo almeno sforzarci di riconoscerne il profondo valore, impegnandoci a non gettarlo al vento alla prima occasione.


Dai un’occhiata agli ultimi post

Daniele Blog, Società , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *